Lorenzo Bianchi

Tel.: +39.06.90672374
Mail: lorenzo.bianchi@itabc.cnr.it



Roma, 1958.

  • Laureato in Lettere con indirizzo classico (Letteratura latina, prof. Giovanni D’Anna) presso l’Università di Roma “La Sapienza” con voti 110/110 e lode (1982), specializzato presso la Scuola Nazionale di Archeologia della medesima Università, indirizzo Topografia archeologica (Archeologia medievale, prof. Letizia Ermini Pani), con voti 70/70 e lode.
  • Formatosi con una impostazione di ricerca a carattere filologico e analitico, si è occupato inizialmente di Topografia di Roma antica, come allievo di Ferdinando Castagnoli, per poi dirigere le sue ricerche anche fino all’età medioevale.
  • Borsista ISTRA (1984-1985) e borsista Deutscher Akademischer Austauschdienst (1986).
  • Collaboratore presso l’Università di Roma “La Sapienza” (cattedre di Topografia di Roma e dell'Italia antica, Storia delle Religioni, Archeologia medievale, 1981-1985 e 1990-1992) e di Soprintendenze archeologiche (Ostia, Lazio meridionale), per ricerche topografiche, studio e classificazione di materiali architettonici (1985-1986).
  • Vincitore di concorso e docente di ruolo di latino e greco nei licei classici (1987).
  • Socio fondatore e presidente della cooperativa archeologica Archè di Roma (1985-1992), per la quale ha realizzato progetti con il CNR e con la Regione Lazio; socio fondatore della cooperativa culturale Opera d'Arte di Firenze (1988).
  • Ideatore, promotore e responsabile scientifico del progetto di ricerca e catalogazione informatizzata "Torri e complessi fortificati di Roma medioevale" (Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - ICCD, SBAA di Roma - finanziamento: lire 8.200.000.000), ne ha coordinato le attività di studio storico-topografico e rilevamento di monumenti dirigendo un gruppo di 30 ricercatori (1986-1990).
  • Ricercatore CNR (1994), Primo Ricercatore a contratto (1999), Primo Ricercatore di ruolo (2001), con idoneità per Dirigente di Ricerca (2007 e 2011), presso l’Istituto per le Tecnologie applicate ai Beni culturali del CNR, area disciplinare Scienze dell’Antichità, settore scientifico disciplinare L-Ant/08 Archeologia Cristiana e Medievale.
  • In tutti questi anni ha compiuto ricerche e studi su manufatti archeologici e monumenti (in particolare per la città di Roma) nel loro contesto diacronico topografico, indagati in stretta relazione alle motivazioni culturali della loro genesi e trasformazione, con particolare attenzione all’analisi comparativa delle fonti letterarie, epigrafiche e d’archivio e dei dati archeologici e di rilevamento, sia di carattere architettonico che geofisico.
  • Ultimamente, nell’ambito di questa linea di indagini, ha l’incarico di responsabile scientifico per la tematica archeologica all'interno del progetto URBISIT (Sistema informativo territoriale per la pianificazione di protezione civile nelle aree urbane), per lo studio della topografia antica e medievale del colle Palatino in Roma (2009-2012).
  • Un parallelo indirizzo di ricerca, sviluppato negli ultimi anni, riguarda più specificamente vari aspetti dell’archelogia cristiana.
  • Tra queste attività si segnala, dal 1995 e per i dieci anni successivi, l’esteso e complessivo studio storico-topografico e dei rinvenimenti archeologici della zona di San Pietro e del Gianicolo settentrionale (monte di Santo Spirito), interessato dai lavori per il Giubileo del 2000, con vasta risonanza pubblica sia a livello nazionale che internazionale, oltre che nell'ambito strettamente scientifico, anche in quello divulgativo (trasmissioni radio e televisive, interviste su giornali italiani ed esteri, tra i quali "Le Monde", "The New York Times", "Herald Tribune-Italy Daily", "The Times", "El Pais", "El Mundo", "ABC", "Kurier", "NRC Handelsblad" e altri).
  • Dall’anno 2000, nell'ambito di ricerche avviate sui rapporti tra Bisanzio e le sponda adriatica, in particolaredall'epoca tardoantica fino a quella della della IV crociata, è stato chiamato nella commissione internazionale di studio per le ricognizioni delle reliquie attribuite a san Luca evangelista (Padova), in relazione agli aspetti archeologici, e ha ricevuto l’incarico per lo studio epigrafico e storico della cattedrale di Termoli (CB), in relazione alla traslazione da Bisanzio delle reliquie di san Timoteo; si è inoltre occupato, in collaborazione con il Pontificio Istituto Teologico Leoniano di Anagni, dello studio analitico della documentazione epigrafica dei dipinti della cripta della cattedrale di Anagni (FR), anche in relazione ai legami con l’area romana, in particolare la chiesa dei Santi Michele e Magno sul Gianicolo e il convento dei Santi Quattro Coronati sul Celio.
  • Nel corso degli ultimi quindici anni, infine, ha anche compiuto studi sulle fonti cristiane antiche, in particolare sull’uso e la trasformazione della lingua latina in ambito liturgico, unitamente all’edizione critica di testi inediti di papa Paolo VI.
  • Dal 1991 è nel comitato di redazione della rivista internazionale "30Giorni", diretta da Giulio Andreotti.
  • Dal 2004 è membro della International Association for the History of Religions (IAHR), della European Association for the Study of Religions (EASR) e della Società italiana di Storia delle Religioni (SIRS); sta attualmente curando la pubblicazione di opere e materiale d'archivio relativo al padre, Ugo Bianchi, già presidente della IAHR.
  • Dal 2004 è corrispondente scientifico dall'Italia della Byzantinische Zeitschrift (München, Deutschland) per recensioni e segnalazioni relativamente a circa 100 periodici scientifici di ambito archeologico, storico-artistico e storico-architettonico.
  • Dal 2007 è cultore della materia e collaboratore per ricerche storiche e attività didattica presso il Dipartimento di Filologia greca e latina dell’Università di Roma “La Sapienza”, insegnamento di Civiltà bizantina (proff. Augusta Longo e Andrea Luzzi).
  • Dal 2009 è membro del Centro di Studi per la Storia dell’Architettura (CSSAR).
  • Dal 2011 è membro della Associazione Italiana di Studi Bizantini (AISB).

 



Attività di ricerca

  • INTEGRAZIONE DI TECNICHE AVANZATE DI RILEVAMENTO, METODOLOGIE GEOFISICHE, GIS E MODELLI NUMERICI PER LA CONOSCENZA DEI SITI ARCHEOLOGICI E LA CARATTERIZZAZIONE DEI MANUFATTI STORICI (MODULO) (Modulo)
  • INTEGRAZIONE DI TECNICHE AVANZATE DI RILEVAMENTO, METODOLOGIE GEOFISICHE, GIS E MODELLI NUMERICI PER LA CONOSCENZA DEI SITI ARCHEOLOGICI E LA CARATTERIZZAZIONE DEI MANUFATTI STORICI (COMMESSA) (Commessa)
  • ANALISI E STUDI MULTIDISCIPLINARI SU MANUFATTI ARCHEOLOGICI, STORICI E ARTISTICI ANCHE IN RELAZIONE ALLE FONTI STORICHE SCRITTE E FIGURATE (Progetto di ricerca) - responsabile
  • INTEGRAZIONE DI METODI GEOFISICI MULTISCALA PER LE INDAGINI NEL CENTRO STORICO E NELLE PERIFERIE DI ROMA. PRIN2008 (Progetto di ricerca)