Eva Pietroni

Tel.: +39.06.90672349
Mail: eva.pietroni@itabc.cnr.it


Titoli di Studio

- Laurea in Conservazione dei Beni Culturali, (indirizzo storico-artistico), conseguita nel 1997 presso l'Università della Tuscia di Viterbo con lode.
- Diploma musicale in flauto traverso conseguito nel 1990 presso il Conservatorio Statale di Musica F. Morlacchi di Perugia

 

Attività di ricerca

E' ricercatrice a tempo indeterminato, presso l'ITABC del CNR a partire dal 16 febbraio 2010, è responsabile di numerosi progetti del Virtual Heritage Lab. La sua collaborazione con il CNR, prima con l'Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione e poi con l'istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali, è iniziata nel 1998 e non si è mai interrotta.
La sua attività di ricerca è orientata alla sperimentazione delle nuove tecnologie multimediali e virtuali nella ricerca, valorizzazione e comunicazione dei beni culturali (dall’oggetto al sito, al territorio), all’ideazione e sviluppo di progetti nel settore museale, destinati al contesto fisico di una esposizione esistente al fine di potenziarne la valenza comunicativa, o alla sola creazione di musei "virtuali". Coordina, in quest’ambito, progetti nazionali ed internazionali, dal punto di vista scientifico, artistico e tecnico.
L'area di riferimento è multidisciplinare: dalla documentazione sul campo, attraverso tecnologie integrate di rilievo topografico, alla rappresentazione 3D fino alla ricostruzione virtuale: una filiera organica e coerente di fasi di lavoro ed interpretazione che integra processi bottom up e top-down. Fondamentale anche la componente artistica nella creazione dell'opera comunicativa, la creazione di forme dnuove di narrazione efficaci ed emozionanti. Lo storytelling interattivo e l'ibridazione dei media (VR, linguaggio teatrale e cinematografico, realtà aumentata, videogiochi, proiezione olografica), insieme a nuove forme di interazione sono tematiche di ricerca privilegiata. La ricerca nell’ambito dei musei virtuali si incentra in definitiva sugli aspetti percettivi e cognitivi della trasmissione culturale, sulla design dell'esperienza coinvolgente varie tipologie di visitatori, sull'integrazione fra scienza, arte e tecnologia.
E' co-autrice e co-regista di documentari per RAI3 (trasmissione GEO)

Ambiti di competenza

Progettazione e deisgn di ambienti virtuali per la comunicazione dei BC, documentazione digitale, musei virtuali, ambienti di realtà virtuale (anche in multiutenza), design di interfacce e di innovative modalità di interazione all'interno di ambienti VR, anche basate sulla gestualità del corpo (interazione naturale) tramite l’uso di sensori; computer grafica 2D e modellazione 3D, ottimizzazione di modelli 3D sia per output filmici che real time, digital storytelling, editing e compositing video, design di applicazioni multimediali su tecnologie “mobile”, realizzazione di vetrine olografiche per musei con narrazione drammatizzata sugli oggetti reali.

Attività didattica

Ha partecipato a numerose iniziative didattiche promosse da Università italiane e straniere, Master e Istituti di Ricerca. Prevalentemente ha insegnato all’Università della Tuscia, sia al Corso Triennale che alla Scuola di Specializzazione, ha insegnato come Professore a Contratto dall'a.a 2005-2006 al 2013-14 Informatica applicata ai Beni Culturali e Virtual Heritage. Membro di commissione in sessioni di Laurea e di Dottorato presso la stessa Università.

Principali progetti di ricerca

Dal 2000 ad oggi ha realizzato più di 50 progetti di ricerca di livello nazionale ed internazionale, specie nell’ambito dei musei virtuali.
Alcune installazioni virtuali sono permanentemente esposte in musei importanti, di seguito alcuni casi italiani: Musei Vaticani e Palazzo delle Esposizioni di Roma (Etruscannig), Museo Nazionale Romano Terme di Diocleziano (Museo Virtuale della Via Flaminia Antica e Villa di Livia reloaded), Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (Museo Virtuale della Valle del Tevere ed Etruscanning) Museo degli Eremitani a Padova (Museo Virtuale della Cappella degli Scrovegni) , Matera museo diffuso (Matera Città Narrata) ed maltri. Altre installazioni sono state ospitate temporaneamente presso musei italiani stranieri ed hanno viaggiato in mostre itineranti nelle principali capitali mondiali (nel contesto della Mostra Italia del Futuro organizzata dal MAE e dal CNR, http://www.italiadelfuturo.cnr.it/en; prog. CEMEC, ecc).
- CEMEC Connecting Early Medieval European Collection (Progetto europeo, Creative Europe - Culture, Cooperation project; G.A. n.2015-1143/001-001; 2015-2019; con ruolo di responsabile italiano per la progettazione e sviluppo virtuale).
- MUSEO VIRTUALE DELLA VALLE DEL TEVERE (Progetto nazionale, 2011-2016, con ruolo di responsabile e direttore scientifico e tecnico), selezionato e presentato anche al festival internazionale Laval Virtual/Revolution 2015, Laval Francia, e all’exhibit Digital Heritage expo 2015 a Granada. www.museovirtualevalletevere.it
- MUSEO VIRTUALE DELLA CAPPADOCIA (PRIN, 2012-2015 “Arte e habitat rupestre in Cappadocia e nell’Italia centromeridionale”, con ruolo di ideazione, progettazione multimediale e coordinamento del Museo Virtuale insieme a F. Antinucci). www.museovirtualecappadocia.it
- FLAMINIA RE-LOADED: MUSEO VIRTUALE DELLA VILLA DI LIVIA V2.0 (Progetto nazionale, 2013, con ruolo di responsabile), Vincitore del 1° Award Archeovirtual 2014, categoria "Natural Interaction”; selezionata per la mostra internazionale “Italia del Futuro”, 2013-2016.
- ETRUSCANNING (Progetto europeo, Culture 2007 Programme, Grant Agreement nr. 2011- 1786/001-001, 2011-2013, con ruolo di responsabile italiano per la progettazione e sviluppo virtuale); vincitore del 1° Award Archeovirtual 2012 categoria ”Natural Interaction" e 1° Award assoluto assegnato dal pubblico; 1° Italian Heritage Award 2013 categoria "Communicazione e divulgazione dei Beni Culturali”; selezionata per la Mostra internazionale “Italia del Futuro”, 2013-2016.

- DIFENDIAMO LE MURA! (progetto Nazionale 2015, Serious Game con ruolo di ideazione, progettazione e grafica 2D)
- V-Must.net (VIRTUAL MUSEUM TRANSNATIONAL NETWORK (Progetto europeo, N.o.E. FP7-6- 2009; 2011-2015).
- I COLORI DI GIOTTO. Esperanza virtuale tra i personaggi dell’opera di Giotto; (Progetto nazionale, 2010, con ruolo di responsabile italiano per la progettazione e sviluppo virtuale).
- MATERA CITTA’ NARRATA (Progetto nazionale, 2009-2012, con ruolo di responsabile e direttore scientifico e tecnico). Vincitore del 1° Award Archeovirtual 2012, categoria applicazioni "Mobile".
- TECNOLOGIE INTEGRATE DI ROBOTICA E REALTA’ VIRTUALE IN ARCHEOLOGIA. PROGETTO FIRB (Progetto nazionale - FIRB, 2006-2009, con ruolo di responsabile nel biennio 2008- 2009) 1°Best Paper Award VSMM 2008.
- MUSEO VIRTUALE DELLA VIA FLAMINIA ANTICA (Progetto nazionale, 2006-2008), 1° E-Content Award, categoria E-Content.
- MUSEO VIRTUALE DELLA CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI (Progetto nazionale, 2002-2003), con ruolo di ideatore e sviluppatore di contenuti; 1° Best Paper Award for Cultural Merit VSMM2002.
- SCUOLA NAZIONALE DI ARCHEOLOGIA VIRTUALE E DI VIRTUAL HERITAGE (Progetto nazionale, con ruolo di membro del comitato scientifico)
- PROGETTO APPIA ANTICA (Progetto nazionale, 2003-2005)
- LA RINASCITA DELLA PITTUA MURALE NEGLI ANNI TRENTA, Museo Virtuale (Progetto nazionale 1998-99), con ruolo di autrice dei contenuti testuali e visuali)

Pubblicazioni

Dal 2000 ad oggi è autrice di un centinaio di pubblicazioni scientifiche di interesse internazionale tra cui:

- Eva Pietroni: From remote to embodied sensing: new perspectives for virtual museums and archaeological  andscape communication, in Book " Digital Methods and Remote Sensing in Archaeology", Book Subtitle  Archaeology in the Age of Sensing” ed. by M. Forte and S. Campana; Springer, Series title “Quantitative Methods in the Humanities and Social Sciences”, chapter 18. ISBN: 978-3-319-40656-5 

- Eva Pietroni, Daniele Ferdani, Augusto Palombini, Massimiliano Forlani, Claudio Rufa, 2015. Lucus Feroniae and Tiber Valley Virtual Museum: from documentation and 3D reconstruction, up to a novel approach in storytelling, combining virtual reality, theatrical and cinematographic rules, gesture-based interaction and "augmented" perception of the archaeological context. Full papaer in Proceedings of 43rd Computer Applications and Quantitative Methods in Archaeology Conference CAA 2015 Siena KEEP THE REVOLUTION GOING. 

- Alfonsina Pagano, Eva Pietroni, Caterina Poli: An integrated methodological approach to evaluate virtual museums in real museum contexts, 9th annual International Conference of Education, Research and Innovation, 14-16 November, 2016, Seville, Spain, 2016, pp. 310-321. ISBN: 978-84-617-5895-1, ISSN: 2340-1095. doi: 10.21125/iceri.2016.1077.

- Eva Pietroni, 2013: Natural Interaction in VR environments for Cultural Heritage: the virtual reconstruction of the Regolini Galassi Tomb in Cerveteri, in Archeologia e Calcolatori, n. 24 del 2013, Editore Del Giglio.

- Eva Pietroni, 2012: Matera Città Narrata project: a multimedia and multiplatform guide for mobile systems, in printed Proceedings "Archaeology in the Digital Era. Book from selected Papers of the 40th Annual Conference of Computer Applications and Quantitative Methods in Archaeology" (CAA), Southampton, 26- 29 March 2012. EDITORS: Graeme Earl, Tim Sly, Angeliki Chrysanthi, Patricia Murrieta-Flores, Constantinos Papadopoulos, Iza Romanowska and David.