Protocollo di rilievo, restituzione e classificazione di strutture antropiche rinvenute in scavi di emergenza archeologica in aree urbane. I casi della Metro C di Roma e della Linea 1 di Napoli.

Periodo: 2010-2013
Tipo di progetto: Progetto nazionale
Responsabile: Roberto Gabrielli

L'attività di ricerca consiste nella sperimentazione e sviluppo di una metodologia di lavoro da applicare al campo dell'archeologia preventiva. L'obiettivo principale è quello di creare un metodo innovativo, compatibile e sostenibile ma, soprattutto, competitivo in ambito archeologico, favorendo la cooperazione tra settore pubblico e privato. Il gruppo di ricerca ha sviluppato un protocollo di acquisizione dati, sperimentato per la prima volta in Italia, e utilizzato attualmente sugli scavi archeologici delle future stazioni metropolitane di Roma (Stazione San Giovanni - Metro C S.c.p.a) e Napoli (Stazione Municipio - Metropolitana di Napoli). La metodologia può essere così riassunta:

  • Ispezione dell'area da investigare
  • Topografia generale e posizionamento di target
  • Rilievo fotogrammetrico 3D
  • Elaborazione dei dati
  • Output e risultati finali

La metodologia sviluppata permette di ottenere un'innovativa documentazione grafica del sito attraverso ortofoto metriche ad altissima risoluzione e nuvole di punti 3D che descrivono l'intera struttura e le unità stratigrafiche. Grazie alla tecnica fotogrammetrica è possibile visualizzare contemporaneamente un modello 3D completo di tutte le aree indagate favorendo una valutazione critica sui rapporti stratigrafici delle varie strutture. Tale sistema ha permesso di ridurre i tempi di acquisizione sul campo mantenendo l'affidabilità del dato e conseguentemente i costi totali del progetto.