Difendiamo le mura

Periodo: 2015
Responsabile: Eva Pietroni
Laboratorio: VHLab
Project team: Eva Pietroni, leonardo Rescic
Partner: CNR ISTC, Fondazione Paestum, Università di Salerno

Applicazione immersiva che mostra le tecnologie e la tattica di assedio del IV secolo a.C., le macchine da guerra, le caratteristiche costruttive delle torri e delle mura della città di Paestum.
Questa tematica viene affrontata attraverso un video introduttivo e un serious game, concepiti per un pubblico eterogeneo ma con un’attenzione speciale verso i giovani.

L'obiettivo è trasmettere contenuti educativi attraverso un forte coinvolgimento percettivo e motorio e la sollecitazione multisensoriale ed emozionale. La rappresentazione dell'assedio e delle folle dei soldati in azione è stereoscopica; il paesaggio "sonoro", in dolby surround 5.1, include il rumori delle armi, voci, clamori, ordini militari, dialoghi. E’ stato concepito per il gioco a squadre (ma può essere usufruito anche da singoli utenti) e si basa sull'interazione attraverso il corpo mediante un sensore ad infrarossi: il giocatore si nasconde dietro i merli delle mura ed esce allo scoperto per azionare le armi a sua volta. Vince chi uccide più nemici e resta in vita più a lungo.
Rivivendo la scena dell'assedio, ricostruita in computer grafica secondo e indicazioni degli archeologi e degli esperti di poliorcetica, i visitatori hanno la possibilità di comprendere il funzionamento delle antiche macchine belliche, vedendole direttamente in azione durante le diverse fasi della battaglia.

Realizzato per conto della Fondazione Paestum grazie ad un finanziamento Arcus, dalla società E.V.O.CA. srl in collaborazione con il CNR ITABC ed il CNR ISTC.