Carta archeologica digitale della Necropoli di Cerveteri

Periodo: 2015-2016
Sito geografico: Cerveteri
Tipo di progetto: Nazionale
Responsabile: Emanuel Demetrescu
Laboratorio: VHLab
Project team: Emanuel Demetrescu, Enzo d'Annibale, Daniele Ferdani, Bruno Fanini, Andrea Adami

Dal 2014 il VHLab sta svolgendo un'intensa attività di rilievo nella Necropoli della Banditaccia a Cerveteri in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica del Lazio e dell'Etruria Meridionale (Dott.ssa Alfonsina Russo e Dott.ssa Rita Cosentino).  Sono state impiegate le più avanzate tecniche di  acquisizione 3D: fotogrammetria da UAV (Droni), fotogrammetria terrestre, GPS e scanner laser al fine di rilevare i più importanti manufatti archeologici. Particolare attenzione è stata  rivolta sia alle grandi strutture funerarie, come la Tomba dei Rilievi e il Tumulo Mengarelli, sia ad importanti settori recentemente indagati, come l’altopiano della Tegola Dipinta e delle Onde Marine. Parte dei Modelli, realizzati con l'aiuto del CNRS MAP (Francia), sono già disponibili online sul sito di Europeana del qual il CNR ITABC è contributore.

Nel corso delle ultime campagne è stato eseguito un rilievo dello scavo archeologico attivo nell’area delle Onde Marine. Lo scavo, sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Rita Cosentino con la collaborazione della Dott.ssa Gilda Benedettini, ha portato al ritrovamento di un ampio contesto sepolcrale (tumuli e tombe a camera) con varie testimonianze di attività estrattiva. Il rilievo dell’area di scavo, data la grande estensione e l’eterogeneità dei contesti (all’aperto/al chiuso, superfici dipinte/banco tufaceo), ha richiesto un approccio “sistemico”: sono state impiegate diverse tecniche integrate di rilievo digitale per la produzione di modelli 3D ad alta risoluzione; a partire da questi è stata derivata documentazione grafica in linea con gli standard archeologici. Infine è stato raccolto il dato archeologico ricostruttivo attraverso la compilazione dell'Extended Matrix

Grazie a questi dati sarà possibile realizzare ricostruzioni 3D del sito scientificamente dettagliate e applicazioni museali per una visita interattiva di grande suggestione ed un accesso privilegiato alla vita degli Etruschi dell’antica Caere, metropoli del Mediterraneo.