Analisi e studi multidisciplinari su manufatti archeologici, storici e artistici anche in relazione alle fonti storiche scritte e figurate

Periodo: 2000
Tipo di progetto: Progetto nazionale
Responsabile: Lorenzo Bianchi

L'attività si articola in tre direzioni principali:

 

a) Roma e Anagni: interpretazione e datazione di materiale epigrafico e di cicli pittorici medioevali

Il complesso affrescato della cripta della Cattedrale di Anagni è stato oggetto di un sistematico studio; l'intervento del CNR-ITABC ha riguardato in particolare la decifrazione della documentazione epigrafica dipinta. Il lavoro, dopo la pubblicazione di un primo studio con appendice epigrafica (L. Cappelletti, Gli affreschi della cripta anagnina. Iconologia, Roma 2002, pp. 380, figg. 134), prosegue sia nello studio della decorazione pittorica dell'adiacente oratorio di San Tommaso Becket (per una prima parte edito sul "Bollettino d'Arte" del Ministero per i Beni e le Attività Culturali), sia con lo studio di elementi iconografici riconducibili alla Roma medioevale: in particolare, le raffigurazioni di città di una delle volte; le questioni a carattere agiografico relative a san Magno, collegate con l'insediamento della schola dei Frisoni sul Gianicolo presso San Pietro in Vaticano e con la documentazione epigrafica relativa alla zona; le indagini di rilevamento sugli affreschi e le epigrafi dell'aula "civile" del Convento dei Santi Quattro Coronati a Roma.

 

b) La cattedrale di Termoli (CB): analisi ed interpretazione della documentazione archeologico-epigrafica e delle strutture architettoniche in relazione alle vicende storiche

Il progetto di ricerca ha preso spunto dalle indagini svolte nel 2000 dal CNR-ITABC a proposito della ricognizione delle reliquie di san Luca a Padova, in particolare dello studio della cassa plumbea contenente i resti attribuiti al santo. L'approfondimento delle fonti storiche portò ad ampliare l'indagine alla traslazione di san Timoteo, le cui reliquie erano conservate a Costantinopoli accanto a quelle di Luca. La particolare storia delle reliquie di Timoteo, occultate a Termoli nell'anno 1239, ha presto fatto estendere le ricerche sull'intera struttura della Cattedrale, che proprio all'inizio del XIII secolo viene ricostruita. In questo senso le ricerche puntano ad interpretare come legati all'arrivo delle reliquie sia il rifacimento dell'edificio di culto, sia il programma decorativo della facciata. Le indagini sono incentrate sullo studio paleografico della documentazione epigrafica e sullo studio fisico dei materiali di supporto. A queste ricerche si affiancano comparativamente lo studio iconologico e ricostruttivo della decorazione, delle fasi archeologiche precedenti e delle fasi architettonico-costruttive dell'attuale edificio.

 

c) Indagini storiche e fisiche sul velo di Manoppello (CH)

Le attività in corso sull'oggetto, che alcune ipotesi ricollegano ad origine orientale e poi ad una permanenza a Costantinopoli, uniscono lo studio della tradizione storico-letteraria (ricerche di storia bizantina, indagini sulle traslazioni di reliquie e oggetti sacri, tradizione medievale con ricerche d'archivio e analisi di documenti, svolte in collaborazione con l'Università di Roma La Sapienza, cattedra di Civiltà bizantina) con una serie di analisi fisiche. In particolare, rilevamenti fotografici e fotogrammetrici 3D e indagini ottiche e fisiche sulla colorazione dell'oggetto e sulla consistenza del tessuto, svolte sia all'interno del CNR-ITABC che con collaborazioni esterne. Scopo delle indagini è tentare di ottenere dati significativi in ordine alla datazione dell'oggetto, alla sua origine e alla sua collocazione prima di pervenire all'attuale sede.